Daimon, miti e archetipi

14 e 15 giugno 2014 – Online

Condotto da Paola Bertoldi

La psiche è mito al punto che Noi possiamo solo fare nel tempo ciò che gli Dei fanno nell’eternità. (James Hillman, La Vana Fuga dagli Dei, Milano, 1991, Adelphi, p. 98.)

Conoscere il mito che stai mettendo sulla scena della vita vivendo può consentirti di deprogrammare i tuoi condizionamenti inconsci e sciogliere i blocchi e gli impedimenti che rendono difficile il raggiungimento dei tuoi obiettivi.

I tuoi obiettivi hanno a che fare con la vocazione che ti ha condotto in questo mondo, la ragione per cui sei nato proprio da quei genitori, proprio in questa epoca. Tutti noi siamo qui per via della nostra vocazione. La nascita, l’entrata nell’utero, comporta, però un oblio. Ecco perché ci viene affiancato un daimon che può ricordarci il senso profondo della nostra missione. Contattare il daimon è un’esperienza molto bella di “ritorno a casa”. Quello del daimon è un concetto hillmaniano molto sentito nella psicologia archetipico immaginale, vieni a conoscerlo e a sperimentarlo in questo corso che ti offre l’opportunità di fare grandi esperienze senza muoverti da casa.

Per partecipare non dovrai scaricare alcun software sul tuo computer e non è nemmeno necessario che tu abbia una webcam (videocamera). L’unico requisito è disporre di una connessione ad internet stabile. Ti aspettiamo online!

Quota di partecipazione al corso: 150 euro

Orari:

  • sabato dalle 8 alle 12 e dalle 13.15 alle 15.30
  • domenica dalle 8 alle 12.

Gli iscritti alla scuola di counselling di nonterapia  possono includere questo corso nella retta di iscrizione alla scuola.

MODALITA’ D’ISCRIZIONE

  • Invia una email a info@nonterapia.ch confermando la tua intenzione di partecipare al corso e specificando il tuo Nome, Cognome, luogo e data di nascita e un recapito telefonico.
  • Versa la quota di partecipazione al corso secondo una delle modalità riportate al seguente link: Modalità di pagamento

Corso di psicogenealogia ad approccio immaginale Online

Ognuno potrà lavorare sui temi forti della propria vita a mezzo di:

  • Studio ed elaborazione del genogramma
  • Studio ed elaborazione del mandala visionario e del daimon-gramma
  • Utilizzo delle Carte dei Nat
  • Elaborazione del mito personale
  • Meditazioni e pratiche guidate.

Due ore serali di esperienze e dialogo con i tuoi avi.

A chi è consigliato questo corso.

A tutti, ma in particolare a chi desidera migliorare la propria vita, il proprio sonno, i propri sogni, le proprie relazioni, sciogliendo le proprie paure.

Gli incontri sono condotti da Selene Calloni Williams Paola Bertoldi.

Un’occasione unica di sperimentazione con due eccezionali professioniste della psicologia transgenerazionale.

Selene Calloni Williams è autrice di numerosi libri tra i quali il best seller della crescita personale Le Carte dei Nat e le Costellazioni Familiari, tra gli altri titoli ricordiamo Iniziazione allo Yoga SciamanicoAnche gli Atleti Meditano, Seppur di Corsa, tutti editi da Mediterranee, Roma, è anche autrice di testi universitari sul tema della psicologia transgenerazionale, è stata allieva del celebre psicanalista James Hillman, con il quale ha partecipato al volume “Corpo Spirituale, Terra Celeste”. Ha alle spalle oltre vent’anni di conduzione di seminari e workshop. Esperta di sciamanismo, yoga e meditazione, ha trascorso numerosi anni in Oriente negli eremi della foresta dei monaci buddhisti theravada. È laureata in psicologia e ha ottenuto un master in screen writing presso la Edinburgh Napier University, è autrice di documentari e trasmissioni televisive, ha fondato la Società di Nonterapia e Voyagesillumination, da cinque anni vive a Edimburgo, in Scozia, dove lavora alla diffusione del Mantra Madre.

Paola Bertoldi sin da giovanissima compie ricerche nell’ambito della filosofia occidentale e orientale, della teosofia e pratica il purna yoga, lo yoga integrale di Aurobindo. Da molti anni collabora con Selene Calloni Williams, che incontra nell’ormai lontano 1995. A seguito di questo incontro magico, di due anime che si ritrovano e si riconoscono, inizia a formarsi con lei, viaggiando in India, Sri Lanka e Tibet e in tutta l’area Himalayana, frequentando la scuola F.A.R.O. per operatori olistici e insegnanti di yoga sciamanico, la Scuola Superiore di Counseling Filosofico e Nonterapia, fino a divenire formatrice presso la stessa. Insieme a Selene approfondisce i temi della psicogenealogia ad approccio immaginale, e conduce il corso online interamente dedicato alle Carte dei Nat. E’ autrice del libro “Meditazione” (Ed. Giunti) e della traduzione di varie opere di Aurobindo. Laureata in informatica, è esperta in teoria della complessità e webmaster di questo sito. Ha conseguito, insieme a Selene, un master post-universitario in “screen-writing” presso la Edinburgh Napier University.

Il corso rilascia crediti formativi e di aggiornamento professionale per counsellor e, su richiesta, crediti ecm per medici, psicologi e psicoterapeuti.

Per il modulo base abbiamo elaborato una nuova formula di corso interamente registrato e disponibile online per te quando vuoi!

Dove

Online. Per partecipare non dovrai scaricare alcun software sul tuo computer e non è nemmeno necessario che tu abbia una webcam (videocamera). L’unico requisito è disporre di una connessione ad internet stabile.

Durata

  • Per il modulo base abbiamo elaborato una nuova formula di corso interamente registrato e disponibile online per te quando vuoi! Contattaci scrivendo a info@nonterapia.ch per ulteriori informazioni
  • Modulo Avanzato : 8 serate per un totale di 16 ore – Costo 240 euro

È possibile iscriversi al corso in qualsiasi momento.

Prenotazioni scrivendo a info@nonterapia.ch.  Ti aspettiamo online!

Fobie e attacchi di panico, la risposta è nella notte

Intervista di Daniela Bassi a Selene Calloni Williams.

Coltivando l’idea di scrivere un articolo su un evento sempre più diffuso nella nostra società, quale quello degli attacchi di panico, volendo un parere autorevole, ma nello stesso tempo “fuori dal coro”, ho pensato a Selene Calloni Williams, allieva di quel grande maestro dei nostri tempi che è stato lo psicoanalista e filosofo americano James Hillman, recentemente scomparso.
Non potevo avere idea più fortunata, infatti, al telefono Selene mi annuncia che è di prossima pubblicazione, per le edizioni Mediterranee di Roma, il suo nuovo libro “Riflesso di James Hillman”, dedicato alla paura e a come trasmutarla in potere creativo.
Chiedo a Selene se è possibile avere un abstract del libro, lei gentilmente me lo invia, lo leggo e rimango affascinata. Ho la sensazione che questo libro diverrà una sorta di bibbia per tutti coloro che soffrono di attacchi di panico e di fobie, una lettura terapeutica, forse più efficace di un farmaco e sicuramente priva di effetti collaterali: sono entusiasta.

Vorrei incontrare subito Selene, ma da cinque anni a questa parte, pare che lei abbia deciso di vivere in Scozia, vicino alle Highlands e al mare del nord, dove, per altro, mi immagino che un personaggio, come penso che lei sia, possa stare molto bene. Opto per un’intervista telefonica.

Selene ha la voce un po’ roca, ma dal tono felice, è assai gentile.  “Nella psicologia del profondo,” mi spiega, “noi non crediamo nel corpo come realtà oggettiva, materiale, il corpo è simbolo e, gli organi sono gli dei.” “Gli dei sono divenuti malattie, il dio Pan è l’esempio più eclatante di ciò.” “Io credo che epidemie come le emozioni di panico e di tristezza che dilagano sempre più intensamente nella nostra società, siano la conseguenza della cultura in cui siamo stati educati.” “Noi oggi abbiamo bisogno di una terapia della cultura.” “La nostra cultura si fa notare per l’ignoranza che ha della morte, affermava James Hillman.” “Nel rapporto con la morte hanno origine le nostre angosce, allora io credo che, ancor prima di prendere un farmaco, ci si dovrebbe chiedere: chi è Ade?”
“Il regno di Ade,” continua Selene dall’altra parte del telefono, “è la dimensione dell’invisibilità, è l’universo dell’anima, degli avi, dei sogni, delle possibilità non ancora esplorate.” “Ade  non è unicamente la fine di qualcosa, ma è anche l’inizio, il principio.” “Il regno di Ade è ciò verso cui la vita tende, in esso è contenuta la vocazione che ci ha voluto alla vita, per cogliere il senso profondo della nostra missione nel mondo dobbiamo compiere  un viaggio iniziatico nella morte, un rito di more mistica, di morte e rinascita.” “La vera vita è la seconda, la vera nascita è la seconda, la vera madre è la seconda.” “Finché non saprai come morire e poi rinascere, rimarrai un viaggiatore infelice su questa terra oscura, scriveva Goethe.”  “Le angosce, che possono cogliere di sorpresa, sono il sintomo di un viaggio interrotto verso i regni dell’invisibilità nei quali è segretamente custodito il nostro potere creativo e la nostra possibilità di essere liberi e realizzati.”

“Possiamo dire, dunque,” chiedo io, “che nel nostro rapporto con la morte si giochi l’intero spettro delle nostre possibilità umane?”

“Quando io sostengo che tutte le nostre paure, e di conseguenza le nostro auto limitazioni, hanno origine nel rapporto con la morte,”risponde Selene, “generalmente le persone mi dicono che, in verità, esse non hanno paura della morte.” “Allora io chiedo sempre: cosa intendi per morte?.”  “Ade è anche Zeus ed è anche Dioniso, affermava Hillman.” “Il regno di Ade è l’universo del nostro potere di libertà e di realizzazione.”

“La cultura finalizzata agli imperi ci vuole governabili, misurabili e prevedibili; essa è la vera malata, la vera vittima della paura che dobbiamo risanare.” “La morte non è qualcosa che ti accade al termine della vita, la morte è simultanea alla vita, non c’è dubbio che dal primo istante in cui sei stata concepita hai iniziato a vivere, ma da quello stesso istante, hai iniziato anche a morire.” “La morte e la vita sono realtà inscindibili, come due amanti.” “La separazione della vita dalla morte, la divisione degli amanti, la negazione dell’amore, è la grande follia che sta nel nucleo patologico della cultura del potere.” “Se vuoi risanare l’angoscia devi riunificare gli amanti divini, rimettere insieme ciò che – per ragioni di potere e controllo – è stato separato.”

“Il panico è, si dice, “eccitazione repressa”: questa affermazione deve essere intesa nella sua autentica profondità.” “Nel mito, Dioniso è lo sposo di Arianna, la quale, sorella del Minotauro, rappresenta l’anima selvaggia, l’eterno femmineo.” “La nostra anima piange per via di una separazione interiore violenta a cui dobbiamo porre rimedio, altrimenti a che mai possono servire farmaci e antidoti indotti dall’esterno?”  “Ade è Dioniso, il nato due volte, il padre di tutti gli psicopompi sciamani.” “Lo psicopompo è il traghettatore che ti conduce nel viaggio  iniziatico oltre la grande soglia e ti riporta indietro sano e salvo.” “La nostra cultura ha bisogno della capacità di compiere il grande viaggio taumaturgico, pena il rimanere bloccata nel tunnel della paura.”

Una pausa di silenzio. Butto là una domanda perché a me, forse vittima della cultura del potere, il silenzio produce un senso di disagio: “Dottoressa, cosa consiglia a chi soffre di attacchi di panico?”

“Di imparare a dormire e a sognare.”

“Scusi?”, chiedo, perché lei tace ancora.

“Entrare nel sogno è entrare nella casa di Ade, il sogno può avere una capacità altamente terapeutica  in caso di attacchi di panico e di fobie in genere.”

“Come si impara a dormire e a sognare?”

“Nello yoga sciamanico è conosciuto un sentiero di pratiche chiamato lo Yoga della Comprensione dello Stato di Sogno, ritengo che sia una via  molto valida contro la paura, è tra le più antiche, le più economiche, le più semplici.”

“E come apprendere queste pratiche?”, chiedo, dandomi la risposta da sola l’attimo dopo. ““Be’ … leggeremo il libro, a questo punto non vediamo l’ora che sia in libreria”.

-  Riflesso di James Hilllman di Selene Calloni Williams, edizioni Mediterranee, sarà in libreria a partire da luglio prossimo, è possibile prenotarlo fin da ora scrivendo a info@nonterapia.ch

E per adesso, subito mi sento di consigliare caldamente a quanti soffrono di  fobie e attacchi di panico e a tutti  i miei lettori un altro libro di Selene Calloni Williams, un vero e proprio best seller della crescita personale: Le Carte dei Nat e le costellazioni familiari. Questo testo è in grado di dirci molto su come le fobie e gli attacchi di panico possano avere una matrice transgenerazionale  e può aiutarci a familiarizzare con il grande viaggio taumaturgico a mezzo di quei simboli straordinari e poetici che sono i Nat birmani. Questo libro contiene anche un documentario girato da Selene presso le tribù animiste del Myanmar che è veramente illuminante per comprendere come la morte, così come la nostra cultura la intende, semplicemente non esiste.

“Dottoressa,” chiedo ancora, “può dirmi qualcosa della matrice transgenerazionale degli attacchi di panico?” “Innanzitutto può spiegare, in modo semplice, cosa si intende per ‘matrice transgenerazionale’?”

“Con il termine approccio transgenerazionale si intende fare riferimento all’influsso che i nostri avi possono avere sulla nostra vita attuale e in modo speciale sui nostri disagi e disturbi.” “L’approccio transgenerazionale sostiene che i traumi del passato posso generare nei discendenti stati depressivi e angosce di vario genere, perché lo stress viene trasmesso in modo del tutto sotterraneo all’interno delle linee di discendenza familiare.” “La memoria del dolore , della paura, può presentarsi nella vita dei discendenti come sentimento di dolore, angoscia o depressione, ripetizione di una perdita, difficoltà a gioire e a esprimersi nella vita.”

“Insomma,” dico io, “i  morti, come disse Sant’Agostino, non sono assenti, sono solo invisibili?”

“Sì, concordo in pieno!” “Così capita che si scelga un partner per soddisfare il sogno d’amore di una nonna che ha perso il fidanzato in guerra o per compensare l’umiliazione subita da una zia rifiutata per le sue modeste condizioni economiche, capita che si scelga un corso di studi o una professione per realizzare i sogni segreti di un antenato o antenata che non li ha potuti manifestare, capita che si abbiano o non si abbiano figli in relazione alle morti per malattia, guerra o difficili condizioni economiche del passato.” “Insomma si sente inconsciamente il dovere di ristabilire la giustizia nella propria famiglia prima di potersi permettere la realizzazione personale.”

“Dunque anche gli attacchi di panico possono essere visti come echi di una memoria transgenerazionale?”, chiedo.

“Sì, certamente.” “A seguito di privazioni, torti, gravi perdite, morti precoci e altre ferite e sofferenze del passato, i discendenti possono percepire la presenza di un vuoto da colmare, di un’offesa o un’ingiustizia da riparare, di un equilibrio da restaurare.” “Le conseguenze dei tentativi di ri-equilibrio nei discendenti possono presentarsi come problemi di salute fisica e mentale (boicottaggio della vita) o problemi di inserimento nella società e nel mondo del lavoro (boicottaggio della propria realizzazione intellettuale e creativa), come fallimenti economici (boicottaggio del benessere materiale) o come difficoltà di formare una famiglia e di generare dei figli (boicottaggio della creatività fisica e della felicità affettiva).” “Gli attacchi di panico,  le angosce e le fobie in genere, fanno pensare a traumi antichi non risolti.” “L’analisi trangenerazionale può aiutare a deprogrammare le paure registrate nella memoria inconscia.”

“Chi volesse affrontare i propri disagi in una chiave transgenerazionale a chi può rivolgersi?” “Lei offre consulenza anche in Italia?”

“Io ho fondato nel 2003 in Ticino, nella Svizzera Italiana, l’associazione di nonterapia che si occupa dello studio e della diffusione di paradigmi non terapeutici, l’associazione fa molte attività in Italia, in varie città, alle quali io sono spesso presente personalmente, per conoscere tutte le attività e per un appuntamento consiglio di visitare il sito dell’associazione www.nonterapia.ch.”

“Da ultimo, allora, le chiedo cosa intende per paradigma  non terapeutico.”

“L’approccio nonterapeutico vuole fornire alternative non-diagnostiche e non-terapeutiche al modo di confrontarsi con diversità e disagi, vuole favorire una percezione naturale o soggettiva, non mediata da criteri sociali o oggettivi, di salute, normalità, benessere, libertà.” “Se propagandato ad oltranza, il modello terapeutico rischia di essere la sola soluzione a disagi e diversità.” “Il modello noterapeutico non si oppone ai modelli terapeutici, ma li arricchisce.” “La via nonterapeutica vuole portarci a fare esperienza di quanto molti pensatori hanno affermato: i nostri, mali, i nostri disagi, le nostre paure, sono, in verità, il nostro più grande patrimonio.” “Su questa via, il panico è un ruggito, una forza, una possibilità che dobbiamo semplicemente imparare a gestire deprogrammando la psiche da condizionamenti culturali e transgenerazionali.”

Daniela Bassi.

Selene Calloni Williams è autrice di numerosi libri tra i quali il bestseller della crescita personale Le Carte dei Nat e le Costellazioni Familiari, tra gli altri titoli ricordiamo Iniziazione allo Yoga Sciamanico, Anche gli Atleti Meditano, Seppur di Corsa, tutti editi da Mediterranee, Roma, è anche autrice di testi universitari sul tema della psicologia transgenerazionale, è stata allieva del celebre psicanalista James Hillman, con il quale ha partecipato al volume “Corpo Spirituale, Terra Celeste”. Ha alle spalle oltre vent’anni di conduzione di seminari e workshop. Esperta di sciamanismo, yoga e meditazione, ha trascorso numerosi anni in Oriente negli eremi della a dei monaci buddhisti theravada. È laureata in psicologia e ha ottenuto un master in sreen writing presso la Edinburgh Napier University, è autrice di documentari e trasmissioni televisive, ha fondato l’Associazione di Nonterapia (www.nonterapia.ch) e Voyagesillumination (www.voyagesillumination.com). Da cinque anni vive a Edimburgo, in Scozia.

I nostri Avi

Ascolta i Nat alla Radio della Svizzera Italiana
Con Selene Calloni Williams 
nella trasmissione  “Fior di Loto”
Giovedi 28 novembre Ore 16:30

I nostri Avi
Clicca qui per ascoltare

I nostri avi

“Hai mai pensato di poter parlare con i tuoi antenati per comprendere te stesso, migliorare la tua vita e agire sul tuo destino? Esiste un luogo sacro, una montagna di origine vulcanica- il Monte Popa- che sorge al centro di una vasta pianura nei pressi dell’antica città di Pagan, dove una stirpe di sciamani si tramanda il segreto del dialogo con gli avi” , scrive l’ astrologo Paolo Crimaldi nell’introduzione al libro, “Le carte dei Nat e le costellazioni familiari – Uno strumento per parlare con gli antenati” (Edizioni Mediterranee).​Selene Calloni Williams è psicologa, antropologa, scrittrice. A diciannove anni parte per l’ Oriente, trascorre sei anni tra gli eremitaggi buddisti delle foreste e l’ Oriental Yoga Academy di Colombo, nell’ isola di Sri lanka; laggiù coltiva la filosofia e i metodi naturali della tradizione orientale. A trent’ anni pubblica il suo primo libro sullo yoga integrale al quale seguiranno diverse pubblicazioni sullo Yoga e lo Sciamanesimo. Sua ultima pubblicazione, “James Hillman- Il cammino del ” fare anima” e dell’ecologia profonda” (Edizioni Mediterranee). James Hillman (1926- 2011) è uno dei piu importanti pensatori post-junghiani ed è il fondatore della rivoluzionaria Scuola di psicologia archetipica.

Channelling con i Nat

 copertina nat bassa Questo corso ti darà la straordinaria opportunità di divenire “canale” dei Nat, i Signori della Natura e di vivere una vita ispirata aiutando te stesso e gli altri con i messaggi dei Nat che ti guideranno in tutti gli aspetti della tua vita, ispirandoti e rendendoti creativo: tieni aperta la tua “porta del ricevere!”

Si tratta di un corso a distanza, la formula è davvero innovativa e molto comoda per te, anche il prezzo è eccezionale!

Corso ONLINE condotto da Selene Calloni Williams e Paola Bertoldi

Il corso più atteso, più richiesto, più desiderato e ricercato, finalmente è disponibile interamente online. Da casa tua potrai partecipare a un viaggio che ti porterà lontano.I Nat sono i Signori della Natura, i rappresentanti del mondo sotto il mondo, della dimensione dell’anima selvaggia, dell’Io istintuale, dei sogni, degli avi, dell’invisibile, degli eidola, degli archetipi, dell’immaginale. Vieni con loro e con Selene Calloni Williams oltre la Grande Soglia. Non ti serve niente di impegnativo per partire, solo una copia del libro Le Carte dei Nat e un po’ di spirito di ribellione, amore per l’ecologia del profondo e la sensazione di aver diritto alla gioia, che è la cosa più semplice da raggiungere, forse per questo il traguardo appare così complicato alla mente. Ma nel mondo sotto al mondo non c’è più l’ostacolo mentale, i Nat ti insegnano a risvegliare il tuo Io istintuale e sono strumenti di mediazione straordinari ai fini della creazione del tuo Io immaginale.Ogni settimana riceverai

  • Insegnamenti sull’arte del channelling di alto contenuto e valore.
  • Il racconto approfondito dell’immagine di un Nat. I Nat sono aspetti della psiche e i loro miti ti parlano delle profondità della tua anima. Riceverai molte informazioni aggiuntive rispetto a quelle di base riportate nel magico libro Le Carte dei Nat, perciò è fondamentale avere letto il libro per poter fare il corso. I Nat ti parleranno di te, delle immagini attraverso le quali si esprime la tua anima.
  • La descrizione di una meditazione o di una pratica rituale degli sciamani birmani. Wai Lan Lan, Sciamana di Pagan, ha preparato queste pratiche insieme a Selene Calloni Williams, rendendole fruibili ai praticanti occidentali. Quello delle pratiche di Wai Lan Lan è un percorso del “fare anima” che stupisce per la sua intensità. “Mai prima d’ora è stato svelato tanto”, ha detto Wai Lan Lan. I riti di “caccia all’anima” che Wai Lan Lan propone sono potenti strumenti per riportare le cose alla loro reale natura di immagini e per le risvegliare le energie con le quali essere in grado di operare su queste immagini. Ti stupirai dei risultati!

Ogni lunedì  sera dalle 20 alle 22 saremo collegati insieme su una piattaforma con aula virtuale per:

  • Personalizzare l’esperienza del “contatto” e del “channelling” con i Nat
  • Svelare tutti i segreti della lettura dei Nat
  • Meditare insieme.

Per iscriverti al corso invia una mail a info@nonterapia.ch dicendo “desidero iscrivermi al corso on-line sulle carte dei Nat” e sarai presto contattato.Il corso ha una durata complessiva di 9 mesi e una settimana ma tu puoi iscriverti in ogni momento. Nell’arco di ogni settimana viene trattato un Nat diverso. I Nat sono in tutto 37, dunque 9 mesi e una settimana ti permettono di affrontare tutti i Nat. Al termine dei 9 mesi e una settimana ricominceremo dal Nat numero 1. Per questa ragione ti è possibile iscriverti al corso in qualsiasi momento; il corso terminerà quando avrai visitato tutti e 37 i Nat e cioè dopo nove mesi e una settimana dall’inizio.

Le Carte dei Nat, il libro

Le Carte dei Natdi Selene Calloni Williams

Edizioni Mediterranee, Roma

prima edizione esaurita in 6 mesi!

Esiste un luogo sacro, una montagna di origine vulcanica – il Monte Popa – che sorge al centro di una vasta pianura nei pressi della antica città di Pagan dove una stirpe di sciamani si tramanda il segreto del dialogo con gli avi. Selene Calloni Williams, psicologa, antropologa, scrittrice, documentarista, ha trascritto questo segreto in un libro magico e in un documentario straordinario: il libro Le Carte dei Nat, che non solo è un approdo significativo dei suoi studi psicologici e accademici, ma soprattutto delle sue esperienze in molti luoghi del pianeta a contatto con grandi maestri e sciamani di varie tradizioni.

Il libro contiene il mazzo delle 37 Carte disegnate dall’artista Luigi Scapini e la versione integrale del dvd “Myanmar, Terra dei Nat”, girato a Pagan (riprese e montaggio Mirella Carbone, testi di Selene), con gli sciamani del Monte Popa e presso la tribù degli Eng in Birmania.

Un libro indispensabile per chi si occupa di psicologia trangenerazionale, per chi è abituato a meditare o vuole avvicinarsi alla meditazione, un potente strumento per dialogare con la propria anima e i propri avi. Pur appartenendo alla tradizione storica della Birmania, i Nat rappresentano le forze archetipiche che dominano la natura e la psiche umana e quindi sono comuni a tutte le culture e tradizioni. Anche chi pratica lo yoga trova in questo libro potenti mezzi per attivare le proprie energie.

Dona un libro, cambia il mondo
Dai il tuo contributo al risveglio dell’anima del mondo, mai come oggi c’è bisogno di te. Sostieni i Nat, gli Spiriti della Natura, sostieni la Grande Madre e il tuo Io istintuale. Recupera il potere di annusare l’aria per capire in che direzione muoverti, esci dalla matrice del condizionamento ipnotico e rendi possibile un nuovo Risorgimento.

ACQUISTA IL LIBRO

 

psicogenealogia e costellazioni familiari ad approccio immaginale